Archivio della Categoria: ‘Presentazione’

“Si può fare” – Recensione – Eugen Galasso



Si può fare“di Giulio Manfredonia, film che è stato presentato in anteprima al festival di Roma(fine ottobre 2008)è sicuramente un’opera che affronta la problematica post-basagliana, del superamento dei manicomi, in una chiave non banale né riduttiva, anzi. Ben realizzato, con tecnica attorale e registica ispirato al metodo Stanislasky- Strasberg (parziale identificazione dell’attore con il ruolo interpretato), il film narra di un’esperienza reale, accaduta in epoca post-basagliana, precisamente nella primavera 1984 (funerali di Enrico Berlinguer, segretario dell’allora PCI), quando  a Pordenone una cooperativa autogestita di ex-ricoverati in “manicomio” (anzi, anche senza virgolette, perché all’epoca c’erano) decolla, per merito di un sindacalista di tradizione comunista (Claudio Bisio), tra mille difficoltà e boicottaggi vari (amministrazione pubblica, psichiatri “tradizionali”, informatori sanitari e rappresentanti di medicinali). Un film coraggioso,espressamente ispirato a e da “Qualcuno volò sul nido del cuculo” (scene della scampagnata erotica ma non solo) di Milos Forman, dal libro di Ken Kesey, che non nasconde problemi e”colpi di coda”di chi non vuole”liberare” e “slegare” (metaforicamente) i “matti”, ma li vuole rinchiudere (il suicidio non è un tabù, in questo film, senza toni melodrammatici), che però non cede al pessimismo senza aprirsi a ottimismi fuori luogo, in epoca di revival reazionario (proposte di revisione della 180, per un TSO obbligatorio per “madri a rischio”, altro ancora). Tutto diverso da “C’era una volta la casa dei matti…”, film TV proposto nello scorso inverno che oscilla tra agiografia di Franco Basaglia, spesso non ben individuato biograficamente, opera di costume anni Sessanta-Settanta, con notevoli superficalità nella trattazione. L’ergoterapia, ma dove il lavoro si sposa con il piacere, dove l’eros si lega con la rivolta ma quella che persegue obiettivi precisi e non solo “divaganti”, il principio del piacere che intravvede un’altra “realtà”…   Interpreti eccelsi, oltre a Bisio, Anita Caprioli, Giovanni Calcagno, Andrea Bosca, Natascia Macchniz, Bebo Storti, Giorgio Colangeli.


Eugen Galasso

Pubblicato il 24 giugno, 2010
Categoria: Presentazione

“Dalle tricee al manicomio” – Recensione- Eugen Galasso



Un testo sicuramente importante e interessante, questo di (anzi no, a cura di, in quanto è composto di vari saggi, tra cui alcuni del curatore) Andrea Scartabellati, “Dalle trincee al manicomio”, Torino, Marco Valerio, 2008 , scritto quasi del tutto da storici e storici della cultura come lo stesso curatore, ma anche da Alessandra Miklavic, che opera anch’essa nello stesso settore, ma come “Fellowship” all’università di Montreal/Monréal (Canada, Quebec, anzi, per meglio dire) ma presso la facoltà di Medicina, cosa che in Europa (con rare eccezioni) non si dà. Si analizza, seguendo un’analisi antropologica (di antropologia storica) e storico-sociologica che incrocia anche Foucault (singolarmente poco citato direttamente, però, quasi a dire: “Ormai sappiamo che c’era e che cosa sostiene”), la”follia”-la”pazzia”, forse meglio – e anzi le “smanie” (quasi fossero le goldoniane “Smanie per la villeggiatura”), di molti soldati italiani, durante la “Grande Guerra”, ossia la Prima Guerra Mondiale, la loro reclusione, l’incapacità di capire il problema da parte degli psichiatri, che rinchiudevano e classificavano, talora provavano a curare (“peso el tacòn che l’buso”, secondo il proverbio veneto, ossia peggio la toppa del buco, come sappiamo). Se da un lato c’era una psichiatra che, come Maria Del Rio, con tutte le prudenze del caso, date dal suo status e ruolo di psichiatra dell’allora manicomio di Reggio Emilia, riconosceva (cfr.il suo “Le malattie mentali”….) come cause principali delle difficoltà (non della”pazzia”, che non vuol dire nulla) dei reduci guerra e fame, dove l’una implica l’altra, dall’altro c’è anche chi, come Boschi, altro “vate psichiatrico” dell’epoca, ben più riconosciuto (chiaro: era maschio e sosteneva idee sulla mente e il comportamento ben diverse dalla Del Rio, non era un “sovversivo” ma un “intregato”), cerca di “leggere nel ridimensionamento postbellico della neuropsichiatria militare uno dei tanti controeffetti della”montante marea bolscevica”. Demistificare, oltre alle pratiche psichiatriche, le loro stampelle ideologiche (“ideologia”=”falsa coscienza del mondo”), questo il merito di un’opera come questa che si inserisce in pieno nell’ambito del meglio di quei “chiavistellli”, di quelle “chiavi inglesi” (entrambe le espressioni sono di Foucault) che decostruiscono i poteri sul piano storico-documentale come anche su quello teorico…

Eugen Galasso.

Pubblicato il 24 giugno, 2010
Categoria: Libri, Presentazione

“PSICHIATRIA E PSICHIATRIA COSTRITTIVA” – Intervento – Maria D’Oronzo

Conferenza pubblica - Telefono Viola di Roma

Roma, 27-5-2010


Saluto di Giorgio Antonucci e presentazione del Centro di Relazioni Umane di Bologna di Maria D’Oronzo


Vi porto il saluto di Giorgio Antonucci che, come ha già riferito Alessio Coppola, il dottore non può essere presente per motivi di salute. Voglio leggervi  un brano dal libro di Antonucci “Diario dal manicomio. Ricordi e pensieri” ed Spirali.


Leggi :

http://centro-relazioni-umane.antipsichiatria-bologna.net/2010/06/03/giorgio-antonucci-diario-dal-manicomio-ricordi-e-pensieri-ed-spirali/


Ascolta: radioradicale.it
http://www.radioradicale.it/scheda/304486/psichiatria-e-psichiatria-costrittiva

Video


Due parole sulla mia attività che svolgo a Bologna nel Centro di Relazioni Umane, di cui sono fondatrice e coordinatrice.
Mi occupo delle vicende, abusi e pratiche della psichiatria, dal 1993. Per un lavoro con l’Università di Padova, dove ho studiato psicologia, ho cercato e trovato, dopo vari tentativi, un reparto-aperto, il reparto Autogestito di Imola all’ospedale psichiatrico Lolli, diretto dal dottor Giorgio Antonucci. Sono rimasta a fianco del dottor Antonucci, nel reparto, fino alla fine del suo lavoro istituzionale. Il dottor Antonucci lascia Imola nel 1996.
La prima cosa che mi è stata chiara, in questa esperienza, era il fatto che dovevo gettare alle ortiche tutto quello che all’università mi avevano insegnato, tutto quello che avevo studiato. Dovevo ricominciare completamente daccàpo.
Iniziando dal linguaggio. Iniziando a parlare di dolore personale, di sofferenza interiore e non più e mai di malattia mentale; di modalità di linguaggi differenti e mai più di terapia; di contrasti e contraddizioni personali e sociali, di conflitti sociali e mai più di deliri. Dovevo abbandonare il linguaggio pseudoscientifico che altro non è che il linguaggio del potere; esso serve ad allontanare i familiari e il contesto umano dall’assistito che diventa “oggetto” dell’istituzione di coercizione e isolamento.


Leggi l’articolo completo »

Pubblicato il 2 giugno, 2010
Categoria: Audio, Eventi, Notizie, Presentazione

Libertà vo’ cercando. Quando si dice no – Giuseppe Gozzini


(01 aprile 2007)



Non me ne vorrà Gherardo Colombo se, per riflettere sul suo articolo, comincio dalla parabola evangelica del giovane ricco. Un tale si avvicina a Gesù, gli si inginocchia davanti e gli chiede: “Che cosa devo fare per avere la vita eterna”. Gli risponde Gesù: “Osserva i comandamenti”. “Ma questo lo faccio fin dalla giovinezza!”. Allora Gesù gli dice: “Ti manca una cosa sola: vendi tutto quello che hai, dallo ai poveri e vieni e seguimi”. Ma il giovane se ne andò contristato perché aveva molti beni.
Siamo di fronte a un bravo giovane, contento di fare il proprio dovere, a posto con la sua coscienza. Si aspettava una benedizione di incoraggiamento – “continua così che vai bene” – e invece quello che gli propone Gesù è un capovolgimento di vita, a cominciare delle ricchezze da dare ai poveri. In sostanza gli dice: “Sei cresciuto nell’osservanza dei comandamenti, ma sei prigioniero delle tue sicurezze, non ti manca nulla salvo una cosa: la libertà. E allora pianta lì tutto e vieni e seguimi”.
Non ho trovato niente che meglio esprima il confine fra le antinomie volere e dovere, libertà e obbligo, scelta e obbedienza. Ciò che più interessa a Colombo è riflettere sulla percezione soggettiva di tale confine. In altre parole: due persone hanno lo stesso comportamento, ma l’una per dovere, l’ altra perché lo ha scelto; l’una per obbedire, l’altra perché ne è profondamente convinta. Il confine fra i due modi di dire “sì” è sottile ma tutt’altro che irrilevante.

Leggi l’articolo completo »

Pubblicato il 17 maggio, 2010
Categoria: Presentazione, Testi

Thomas Szasz Award al dottor Giorgio Antonucci

“Il controllo sociale spacciato per terapia psichiatrica offre illimitate possibilità alla tirannia”

Al dottore Giorgio Antonucci per:

Meriti eccezionali nella lotta contro lo stato terapeutico

http://sofiamilos.com/italian/whatsnew_it.html

….Sofia presented another humanitarian award at the Annual CCHR
(Citizens Commission on Human Rights) Awards Gala, held at the Beverly
Hilton Hotel Feb. 28, 2005, this time to Dr. Giorgio Antonucci for his
heroic cause. In her speech, she talked about their common goal to free
children from dangerous and damaging psychiatric drugs and the
screentesting of children to put them on them, a cause she supports with
passion. For further information on the damaging effects of children on
Psychiatric drugs, ADHD and ADD, go to www.cchr.org and
www.ablechild.org. …..

Pubblicato il 6 settembre, 2009
Categoria: Immagini, Notizie, Presentazione, Testimonianze

Centro di Relazioni Umane (Bologna) — Maria Rosaria d’Oronzo