Manicomi giudiziari: break in the wall – Eugen Galasso


Se la Commissione Giustizia del Parlamento ha deciso all’ unanimità che gli OPG (Ospedali psichiatrici giudiziari) debbano essere chiusi entro il 31 marzo 2013, c’è il rilievo per cui non c’è piena adesione del governo al testo della commissione stessa. Questione finanziaria o politica non sappiamo, certo che questa scelta minima di civiltà (chiudere un’espressione della barbarie moderna) sarà solo “break in the wall” (breccia nel muro) in quella demolizione della barbarie complessiva di un’ideologia (la psichiatria è non scienza ma pura ideologia, al servizio di un preteso e presunto “quieto vivere” della società) che da sempre fa acqua da tutte le parti. Che ciò sia stato individuato da una linea di pensiero che va da Foucault al “Centro di relazioni umane”, con l’apporto determinante del pensiero di Giorgio Antonucci non impensierisce certo i “poteri forti” ma neppure quella grigia “maggioranza silenziosa” aduso al detto “Voglio la mia tranquillità”, senza capire che anche questa è un mito assurdo.

Eugen Galasso

Pubblicato il: 19 gennaio, 2012
Categoria: Testi

Centro di Relazioni Umane (Bologna) — Maria Rosaria d’Oronzo