Strage in Connecticut, Adam Lanza – Eugen Galasso

Lo Stato anzi la “Confederazione di Stati più democratica al mondo”, cioè gli United States of America, in una realtà un po’ marginale come il Connecticut, ha conosciuto la strage in una scuola elementare. Ora il responsabile, Adam Lanza, poco più che ventenne, viene “difeso” dicendo che si tratta di persona sofferente di “Asperger”, ossia di una forma (sempre secondo la classificazione psichiatrica, beninteso) di “autismo”, dove però non vi sarebbe alcun deficit cognitivo etc. Ora, a parte la stereotipia di classificazioni che escludono la specificità dell’individuo (A non sarà mai = a B, anche se si tratta di gemelli/e, come noto), che ora si vogliano criminalizzare persone “autistiche” o “Asperger”, che si sottraggono, per caratteristiche personologiche, al “branco” sociale è significativo: non lo si metterà in carcere, Lanza (carcere che invece meriterebbe in pieno, sempre ammesso che sia uno strumento adatto per il recupero personale e in seconda istanza sociale), ma in manicomio (negli USA ci sono ancora e “in pieno”, nonostante la coraggiosa battaglia di Thomas Szasz, purtroppo non più tra noi), quali persone da “recuperare a forza”. Quali invece le possibili concause di questi “atti sconsiderati”, certamente invece criminali, concause che non “giustificano la persona”? A)il problema della libera circolazione di armi, negli States, a supporto delle industrie che le fabbricano e di una mentalità violentista, che si lega all’imperialismo USA, variamente presente a seconda delle stagioni politiche; B)non è dato sapere nulla di preciso, ma sembra che la madre di Lanza, oltre ad essere collezionista di armi, fosse una “maestra fanatica”, che lo obbligava a conseguire sempre e solo i migliori risultati; C)Le contraddizioni tra “laissez-faire” e autoritarismo, sempre compresenti in tutte le “società democratiche dell’Occidente” sono devastanti;D)anche qui nulla è noto, ma anche le condizioni religiose, con il proliferare di chiese “evangeliche” ultra-integraliste sono determinanti, nel “concorso di forze” tra poteri religiosi, politici, giudiziari, polizieschi. Se negli States ogni religione è “buona”, purché non si sia atei oppure agnostici, nella cattolicissima Italia (più dell’Irlanda e del Portogallo, sostengono alcuni sociologi della religione) la diocesi milanese, diretta dal solerte Cardinale Angelo Scola, già vescovo di Venezia, raddoppia il numero degli esorcisti, pur ribadendo che in molti casi trattasi di disturbi psichiatrici, senza però escludere l’opera del Maligno…  Se “la paura crea gli dèi” (David Hume), le religioni e ancor più che chiese, che incalano rigidamente le credenze in dèi, dèmoni, diavoli… non rinunciano a diffondere ancor più le paure, in un circolo vizioso senza fine…

Eugen Galasso

Pubblicato il: 16 dicembre, 2012
Categoria: Notizie

Centro di Relazioni Umane (Bologna) — Maria Rosaria d’Oronzo