Archive for agosto, 2014

Piero Colacicchi – Eugen Galasso



Piero Colacicchi, scultore e docente d’arte in Accademia,  è stato anche un collaboratore attivo del più coerente e radicale negatore della psichiatria in Italia, il dott-.Giorgio Antonucci; decisamente efficace nella messa in discussione dei pregiudizi nei confronti di presunti “pazzi” e degli immigrati (in particolare, ma non solo, dei”rom”),  Colacicchi ha spiegato come i pregiudizi, di origine positivistica (in particolare lombrosiana) verso queste “categorie” di persone siano poi pretesti per riaffermare il quietismo sociale, ossia, per esempio la staticità verso il dinamismo e la mobilità , la sedentarietà verso movimenti e flussi, verso le novità sociali, come la protesta e l’insoddisfazione sarebbero segni e segnali di un’incapacità (sic!) a adeguarsi all’Esistente, per abominevole che esso sia… In definitiva esiste, ci dice Colacicchi, un fil rouge tra la repressione dei rom e quella dei “matti”, in definitiva tra ogni forma di repressione e le altre.  Colacicchi, peraltro, non si è mai limitato alla sola teoria, collaborando invece a un’accoglienza non pietistica (quella si può e deve lasciarla alle associazioni “religiose”, in specie cattoliche e in genere cristiane, quelle che con un po’ di aiuto, spesso “peloso” cercano e credono di guadagnarsi il “Paradiso”) e non retorica con chi soffre e viene represso. La sua presenza e la sua attività costante, anche nei momenti più difficili, manca e mancherà al Centro di relazioni umane, ma anche in genere al mondo che si batte contro la repressione, ma dalla sua assenza (paradossalmente, ma l’assenza può divenire, dialetticamente, presenza) e dal suo esempio potranno, si spera, germogliare realtà nuove e capaci di dar luogo a feconde innovazioni.    Eugen Galasso

Pubblicato il 11 agosto, 2014
Categoria: Notizie

Centro di Relazioni Umane (Bologna) — Maria Rosaria d’Oronzo