Archive for luglio, 2010

Uguaglianza e libertà – Giorgio Antonucci

Per la rivista “Senza Confine” – Firenze 14 ottobre 1992

 


 

 

 

 

 

Senza uscire dalla porta
si può sapere il mondo

Lao Tsù

Vasari racconta che Donatello nella bottega dei suoi artigiani lasciava i soldi in una cesta al centro della stanza perchè ognuno dei lavoranti prendesse a suo giudizio secondo i bisogni.
Nella ricchezza di idee del Rinascimento era o poteva essere l’alba di un mondo differente, più consono all’intelligenza della specie. Ecco cosa voleva dire in concreto “umanesimo” per il prodigioso autore del “San Giorgio” e della “Maddalena”, pari in arte ai più abili artefici di ogni tempo, prima, e dopo di lui.
Significava guardare con rispetto reale all’uomo come natura creativa nella piena consapevolezza del vero rapporto del singolo con la società civile e con il possibile sviluppo.
Anche Bach considerava il lavoro paziente come la base solida e quieta delle opere ben costruite.

Leggi l’articolo completo »

Pubblicato il 26 luglio, 2010
Categoria: Testi

Il punto di vista di Eugen Galasso sul problema dell’antipsichiatria



In Italia, come in tutta Europa, ma anche negli States, in Canada, in Australia, è in atto un gigantesco tentativo di “Controriforma”, di reazione pura e dura che sacrifica la giustizia sociale sull’altare del produttivismo più esasperato e del mito dell’efficienza come anche la libertà a favore di non meglio precisare “istanze superiori”, di una “ragion di stato” che, più che il grande Machiavelli, richiama Botero, più di Hegel, del basso hegelismo di approdo inevitabilmente fascista. In tale quadro, la reazione psichiatrica, il ritorno all’ordine, per elettroshock, psicofarmaci a profusione etc. In tale contesto e in tale ambito d’impegno, incolpare chi da sempre fa dell’antipsichiatria la sua vita, come lo psicoanalista e medico dott. Giorgio Antonucci oppure la dott.Maria D’Oronzo, psicologa e coordinatrice del “Centro di relazioni umane di Bologna” di contributi indebiti versati da associazioni religiose come “Scientology”, appare grottesco. A parte il fatto che, sic stantibus rebus, se ci fossero fondi per sostenere una causa come quella dell’antipsichiatria, essi andrebbero presi e  riusati per promuovere in ogni modo la causa stessa, con la propaganda e l’azione (quella invocata e mitizzata da presunti rivoluzionari, non si sa bene come e perché, dove “perché” vale in accezione finale, ossia come “cui prodest?”), i suddetti veri e unici pionieri dell’antipsichiatria non hanno “beccato un Euro”, mentre hanno solo organizzato non con Scientology, che tra l’altro non è una “chiesa” in accezione gerarchico-istituzionale, però invece un movimento religioso, discutibile, cioè “da discutere”, alla lettera, ma con la “Citizens Commission on Human Rights” (Commissione dei Cittadini per i diritti umani), associazione culturale e umanitaria, assolutamente a-religiosa,  congressi, convegni, rassegne, in cui hanno mostrato come la persona, per mezzo di ricoveri coatti quali il TSO, ma non solo, anche con mezzi meno diretti ma non meno “impattanti”, sia vittima dei soprusi di Stati e organizzazioni multinazionali che ormai degli Stati si servono come di semplici manutengoli. Un’azione, quella dei nostri amici e compagni, che appare decisamente più importante di chi un giorno sì e l’altro pure promettono insurrezioni e/o rivoluzioni che puntualmente non arrivano mai e, se  mai un giorno sopraggiungessero, rafforzerebbero magari la repressione dei poteri costituiti, magari adducendo la scusa di cambiare di segno i poteri stessi, della “necessaria transizione” etc.

Eugen Galasso

Pubblicato il 20 luglio, 2010
Categoria: Testi

Angelo Lallo- Lorenzo Toresini – Nazismo e psichiatria – Recensione – Eugen Galasso



Angelo Lallo- Lorenzo Toresini,  Nazismo e psichiatria, Venezia, Ediciclo, 2009.   Uno storico, di orientamento anche foucaultiano (Angelo Lallo) e un”antipsichiatra “che aveva lavorato con Franco Basaglia (Basaglia ampiamente citato nell’agile volumetto, come si suol dire), esaminano, sulla base di documenti importanti ritrovati, in particolare presso Venezia, l’approccio del fascismo, “corroborato” dal nazionalsocialismo, nella repressione anche psichiatrica, di Ebrei, zingari, “matti da slegare”, per dirla, ancora una volta, con uno slogan caro a Basaglia. Allucinanti le diagnosi prodotte (si sa che le diagnosi psichiatriche sono discutibili: quella degli anni 1940 erano più che strampalate – peraltro anche al processo di Norimberga, le “valutazioni” su Rudolph Hess e non solo erano quantomeno “strane”, oltremodo opinabili), assolutamente poco “attendibili”. Con parallelismi e accostamenti assolutamente accettabili (i colonnelli greci caduti a metà anni Settanta, Pol-Pot, altro, ma anche Radovan Karazdic,  che in effetti, ci dicono gli autori, s’era perversamente auto-convinto di “far bene il suo mestiere”, di essere deontologicamente a posto…), gli autori mostrano come “la psichiatria italiana, oltre che connivente con il regime fascista, era (divenne, se vogliamo rispettare la cronologia, e.g.) collaboratrice con il nazismo nella formazione del concetto di “razza”, fautrice di vera e propria “eutanasia sociale”.  Ebrei anche assolutamente “sani di mente” (sempre che la “normalità” e la”patologia “esistano”, con una netta dicotomia che invece chiaramente anche gli autori rifiutano) venivano “imbrigliati”, venivano “legati”-internati in strutture totali quali quelle manicomiali, appunto.  Anche non- Ebrei, certo; ma l’ossessione nazista e poi fascista era anti-ebraica (anche perché gli Zingari erano/sono comunque di meno, numericamente e per importanza a livello socio-culturale), era funzionale a un progetto paranoide, anzi paranoico (quello sì), che vedeva “rosso” (nel senso del toro alla corrida, più che in senso politico, diremmo) dappertutto… Un’ossessione che non accenna a crollare (pensiamo ai residui di tali ideologie razziste, dissipati e dispersi in diverse forme e in diversi movimenti), certo per la pochezza culturale, anche perché foucaultianamente si tratta di “sorvegliare e punire” chi (e le cose che) ci spaventa/spaventano. In tempi come questi, in cui  psichiatri “di grido” ripropongono la validità “senza se e senza ma” dell’elettroshock, libri come questo ci ridanno speranze, nel senso di una critica(questa sì, speriamo, senza limiti e controlli o vincoli) di una psichiatria (quella ufficiale) che non ha mai rinnegato le sue basi biologistiche e meccaniciste(1), che si sposano così bene (ciò non vale, sicuramente, per tutto il materialismo) con una repressione mai spenta, certo attutita rispetto ai tempi in cui nazismo e stalinismo spadroneggiavano,  senza alcuna limitazione.

Leggi l’articolo completo »

Pubblicato il 19 luglio, 2010
Categoria: Testi

Giuseppe Tradii – Pittura sui muri del reparto “Autogestito” di Imola – Recensione di Giorgio Antonucci

Giuseppe Tradii ha realizzato questi lavori al reparto “Autogestito” di Imola, insieme a Giorgio Antonucci, dopo esser stato rinchiuso  e impedito di esprimersi per lungo tempo.

Recensione – Giorgio Antonucci

L’occhio è simile al sole

Altrimenti non lo vedrebbe

Come dai colori di un’alba di primavera dopo un inverno rigido, così dalle mani e dalla fantasia di GIUSEPPE TRADII, pittore delicato, nascono immagini serene e limpide, che suggeriscono, nonostante la solitudine, una grande capacità di vivere, e una gioia intensa ed affettuosa per la bellezza dell’universo in tutte le sue forme e in tutti i suoi più lontani riflessi.

Giuseppe Tradii è nato ad Aiaccio l’8 novembre ’36 ha vissuto e lavorato a Imola.

Alcune pittura di Giuseppe Tradii sono state pubblicate nel 1990 dall’Enciclpopedia Atlantica di Milano.

Giorgio Antonucci

Pubblicato il 2 luglio, 2010
Categoria: Immagini, Testi

Convegno/Corso Internazionale di Psicoanalisi Laica a Firenze

Sabato 19 Giugno 2010
Fondazione Spadolini Nuova Antologia
Via del Pian de’ Giullari, 36/a – Firenze

Programma

Intervento di Giorgio Antonucci -

VIDEO







Pubblicato il 1 luglio, 2010
Categoria: Video

Centro di Relazioni Umane (Bologna) — Maria Rosaria d’Oronzo